.
Annunci online

nomad [ ...pensieri senza fissa dimora... ]
 


"Rosso di sera, bel tempo si spera... Ma nel frattempo piove!"
(La mia donna)

"Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
(Dante Alighieri)

"Vento in faccia, alzo le braccia, pronto a ricevere il sole..."
(Bandabardò)

"L'immaginazione è più importante della conoscenza"
(A. Einstein)

"Un lungo viaggio inizia con un singolo passo"
(Lao-Tze)

"E se dovessi impazzire, per favore, non mettetemi i vostri fili nel cervello"
(Pink Floyd, If)

"Troppi dettagli non esistono, troppi colori si confondono"
(C.S.I., Tutti giù per terra)

"La mamma delle teste di minchia è sempre incinta e ha parti plurigemellari. Anche la mamma dei cretini è sempre incinta, ma non ha parti plurigemellari. Ne consegue che le teste di minchia sono di più dei cretini. In sostanza, non è necessario essere cretini per essere teste di minchia"
(Io, nella vita di tutti i giorni)

Berluscounter!




Giocatore FANATICO di:


7 novembre 2007


Buona notizia e cattiva notizia

Buona notizia: il capo mafioso Salvatore Lo Piccolo è stato acciuffato, e insieme a lui anche altri capetti e capettini. Ottimo risultato, gaudio e tripudio, ma fino a che non si saranno trovati i soldi e identificate le tasche politiche in cui questi soldi stanno la mafia non sarà sconfitta. Poi bisognerebbe portare un po' di cultura della legalità, ma quella è impresa ardua in tutta Italia, non solo in Sicilia.

Cattiva notizia: Enzo Biagi è morto. Se n'è andato uno dei pochi Giornalisti che sono rimasti liberi in questo Paese. Gli altri non sono giornalisti, sono omini che si atteggiano a divi travestiti da intellettuali.


3 novembre 2007


Il sergente nella neve

Raramente mi capita di scrivere qualcosa di personale su questo blog, ma stavolta sento questo impulso, perchè mai mi è capitato di sconvolgermi ed emozionarmi così intimamente per una semplice canzone. La canzone è appunto "Il sergente nella neve", dei Mercanti di Liquore, ed è tratta dall'album "Sputi". Scritta da loro e da Marco Paolini, la musica a un certo punto si ferma e lascia spazio alla recitazione, al parlato, alle parole di Mario Rigoni Stern quando descrive un episodio della ritirata di Russia.

Questa canzone, trovata per caso nel mare magnum della musica che ho dentro il computer, mi ha emozionato e mi ha fatto piangere come un bambino. Va dritta al cuore come credo sia lo scopo e la ragion d'essere della vera musica. Purtroppo non posso mettere l'audio su questa pagina, ma se vi capita di ascoltarla fatelo, è molto bella, è delicatissima.

Un sentito grazie ai Mercanti di Liquore, a Marco Paolini e a Mario Rigoni Stern per avermi regalato questa emozione. Bravi.

sfoglia     ottobre        gennaio