.
Annunci online

nomad [ ...pensieri senza fissa dimora... ]
 


"Rosso di sera, bel tempo si spera... Ma nel frattempo piove!"
(La mia donna)

"Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"
(Dante Alighieri)

"Vento in faccia, alzo le braccia, pronto a ricevere il sole..."
(Bandabardò)

"L'immaginazione è più importante della conoscenza"
(A. Einstein)

"Un lungo viaggio inizia con un singolo passo"
(Lao-Tze)

"E se dovessi impazzire, per favore, non mettetemi i vostri fili nel cervello"
(Pink Floyd, If)

"Troppi dettagli non esistono, troppi colori si confondono"
(C.S.I., Tutti giù per terra)

"La mamma delle teste di minchia è sempre incinta e ha parti plurigemellari. Anche la mamma dei cretini è sempre incinta, ma non ha parti plurigemellari. Ne consegue che le teste di minchia sono di più dei cretini. In sostanza, non è necessario essere cretini per essere teste di minchia"
(Io, nella vita di tutti i giorni)

Berluscounter!




Giocatore FANATICO di:


30 gennaio 2008


Sai che novità

Il procuratore nazionale antimafia Grasso dice che al Sud ci sono molte amministrazioni locali pesantemente infiltrate dalla criminalità organizzata, cioè dalla mafia. Qua c'è l'articolo. Bè, meno male che se ne sono accorti. Io vivo in Sicilia, 'ste cose sono risapute, e non sono rare le amministrazioni comunali dei paesini dell'entroterra commisariate per "presunte" infiltrazioni mafiose.

Io reputo Grasso persona molto intelligente e competente, uno che un coraggio così e una dingità d'altri tempi, e stessa cosa penso di Ingroia, il PM di Palermo. Ma non penso le stesse cose dei loro refernti politici. Su uqueste cose servirebbe meno ipocrisia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia politica

permalink | inviato da nomad il 30/1/2008 alle 8:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


26 gennaio 2008


Le dimissioni

Situazione paradossale. Non so se essere più triste per la caduta del governo Prodi o più felice per le dimissioni di Cuffaro. Perchè mentre è praticamente certo che alle prossime nazionali la sinistra verrà sconfitta, è certo allo stesso modo che qui in Sicilia sarà ancora la sedicente destra a vincere le prossime elezioni regionali, nonostante gli enormi danni causati e nonostante le evidenti complicità mafiose dei suoi esponenti. Ma se anche, per assurdo, qui vincesse la sinistra, quali garanzie ci sarebbero che essa sia in grado di governare bene, visto quello che non hanno fatto a livello nazionale?

Adesso SO se essere più triste o più felice.

Minchia, lo sconforto è potente.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cuffaro Prodi dimissioni Italia Sicilia destra sinistra

permalink | inviato da nomad il 26/1/2008 alle 14:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


9 gennaio 2008


Dove sono i soldi

Tutti vogliono i soldi. Tutti hanno bisogno di soldi. Tutti cercano di avere più soldi. I soldi non danno la felicità, ma servono a risolvere un mucchio di problemi. Il benessere di un uomo viene misurato in base al suo reddito. Il suo status sociale viene stabilito dal suo reddito. L'intero progredire sociale e civile di una società umana viene misurato con il reddito, che in questo caso viene chiamato prodotto nazionale lordo. Una roba assurda, per la quale se io spacco i denti al mio nemico e lui spende soldi per ricostruirli, l'economia globale avanza di un poco e quindi lui è più ricco. O lo stesso meccanismo per cui io inquino l'aria, la gente spende di più per curarsi e quindi siamo tutti più ricchi. E' evidente che si tratta di un meccanismo orrendamente distorto.

Solo che i soldi sono una cosa astratta, non crescono sugli alberi, non esistono in natura. Si tratta di un valore convenzionale attribuito originariamente ad un pezzo di metallo, perchè era più comodo andare in giro con piccoli pezzi di metallo piuttosto che con carri di pecore. Il valore del denaro è quello che gli si attribuisce: nel mezzo del deserto preferisco avere un litro d'acqua invece di un chilo d'oro. E adesso tutti vogliono i soldi. Li voglio io, che ho una laurea e non ho un lavoro decente. Li vuole il padre di famiglia. Li vuole l'imprenditore. Li vuole l'impiegato e l'operaio. Li vogliono perfino i politici, che non sanno come fare a risollevare l'economia e lo stramaledettissimo PIL. L'Italia è in declino, dicono, perchè mancano i soldi. E non si capisce come fare, dove trovare i soldi, dove sono andati a finire, chi ce li ha e chi li dovrebbe avere. Dove sono i soldi. E ci si stupisce, o si finge di farlo, per i milioni dati alla Campania per risolvere l'emergenza rifiuti. Ci si stupisce per i milioni di euro buttati dall'Unione Europea in Sicilia e sparpagliatisi per mille rivoli inutili, inclusi i soldi della piccola borsa di studio vinta dal sottoscritto. E non ci credo che centinaia di milioni di euro sono serviti in Sicilia per pagare borse di studio. Dove sono i soldi? Nelle tasche di chi sono finiti?

Visto che i soldi sono così utili, sarebbe forse il caso di capirlo. E farseli restituire.




permalink | inviato da nomad il 9/1/2008 alle 14:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        febbraio