Blog: http://nomad.ilcannocchiale.it

Il muro

Esco. Lavoro. Studio. Colleghi, ombre. Frammenti di dialoghi, intercettazioni nei corridoi. Leggo giornali. Raramente riviste. Accendo il pc. Mi loggo. Viaggio per siti vari, mi aggiorno. Ogni tanto (ma solo ogni tanto) telefonate. Partecipo ai forum sulle mie cazzate preferite. Leggo qualche blog, sparutamente lascio tracce. E musica, ma quella è buona solo per stordirmi.

Nomade in mezzo all'umanità cerco segni di vita. Non so dire se ne trovo, segni sicuramente si, di vita non so, forse qualcuno.

Percepisco nettamente il vuoto. Immerso (io, non il vuoto) tra tv, computer, giornali, cellulare, wi-fi, io lo sento distintamente, se solo ho qualche attimo per stare fermo. Sospeso, appeso direi. Poi come pesce nella boccia guardo fuori e vedo altre bocce. Deformate. E dentro le bocce ci sono individui, deformati. E anche alcuni di loro guardano me, e io sono deformato.

Sono ancora capace di stupirmi di quanto schifo possa fare l'umanità. Poi penso che dell'umanità faccio parte anch'io. E quindi non è così facile dire giusto e sbagliato. E se fossi io quello sbagliato? Ma io non posso esserlo.

Io sono l'unica persona che sarà sempre con me ogni giorno della mia vita. Non posso essere sbagliato. Sono l'unità di misura di tutte le cose.

Questa è l'altra grande certezza della vita, oltre al fatto che prima o poi questa vita finisce. Questa vita di merda, che però è l'unica che abbiamo e in fondo ci siamo tutti affezionati. Che tutti vorremmo fosse mligliore, perchè anche quando uno si fa del male lo fa per stare meglio.

E poi penso a quanto è brutto l'egoismo, a quanto fa male, a quanto è bello e fa bene quando ti difende dagli altri, egoisti del cazzo.

Vorrei dire un miliardo di cose. Ci vorrebbe troppo tempo, ma la cosa ancora più triste è che in ogni caso non saprei a chi dirlo. Chi meriterebbe le mie parole, e chi sarei io disposto ad ascoltare. Per questo m'abbutta parlare.

E penso al muro dei Pink Floyd, che si costruisce mattone per mattone, e isola ogni persona dalle altre. Come tante bocce per pesci sospese nel vuoto.

Pubblicato il 26/10/2007 alle 23.35 nella rubrica Mondo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web